Menù superiore:


sfondo testata


Percorso pagina:


Patto di corresponsabilità educativa

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’

Il Patto di corresponsabilità (DPR 235/2007) è lo strumento attraverso il quale vengono declinati i reciproci rapporti, diritti e doveri, che intercorrono tra l’istituzione scolastica e la famiglia:

  • per promuovere una comune azione educativa al fine di realizzare il profilo formativo definito nel POF
  • per rafforzare la condivisione da parte dei genitori delle priorità educative e del rispetto dei diritti e dei doveri di tutte le componenti presenti nella scuola
  • per creare un clima sereno che possa permettere un pieno sviluppo dei processi d’apprendimento e di socializzazione
  • per far crescere rapporti di rispetto, di fiducia, di collaborazione e di partecipazione
  • per favorire lo sviluppo del senso di responsabilità e l’impegno

 

DIRITTI DEGLI STUDENTI E DELLE STUDENTESSE

  • Diritto di studiare in un ambiente idoneo dal punto di vista: igienico–sanitario e della sicurezza, degli arredi e degli strumenti di
  • Diritto alla formazione culturale che rispetti e valorizzi l’identità di ciascuno, sia aperta alla pluralità delle idee, favorisca la continuità, dell’apprendimento, fornisca un’adeguata
  • Diritto ad un’educazione alla cittadinanza, anche digitale, che porti ad una conoscenza delle opportunità e dei rischi delle tecnologie e della condivisione dei contenuti, e a uno sviluppo di uno pensiero critico e consapevole.
  • Diritto di conoscere il Piano dell’Offerta Formativa in particolare i valori e le regole stabilite: l’organizzazione scolastica, gli obiettivi didattici ed educativi, i criteri di misurazione e valutazione delle
  • Diritto al rispetto delle diversità attraverso attività di accoglienza, tutela della lingua e della cultura, iniziative interculturali e differenziazione dei
  • Diritto ad una valutazione trasparente e tempestiva al fine di individuare i punti di forza e debolezza migliorare il rendimento scolastico e le relazioni
  • Diritto alla
  • Diritto ad essere informati sulle decisioni che scuola e famiglia hanno
  • Diritto ad essere tutelato e sostenuto dalla comunità scolastica, in primis dal gruppo dei pari, qualora un alunno/a denunci episodi di bullismo o
  • Diritto a poter svolgere la didattica digitale integrata usufruendo della strumentazione adeguata e di approcci e metodologie inclusive.

 

DOVERI DEGLI STUDENTI E DELLE STUDENTESSE

  • Dovere di rispettare locali, arredi, strumenti collaborando alla loro cura e
  • Dovere di frequenza regolare: rispetto degli orari d’inizio e di termine delle lezioni, rispetto dei tempi/calendario della
  • Dovere di operare con responsabilità: studiare con impegno costante a svolgere i compiti assegnati, ascoltare le spiegazioni e chiedere chiarimenti, avere il materiale occorrente, organizzare utilmente il proprio tempo libero, collaborare anche con i compagni in difficoltà, riconoscere i propri errori, operare con lealtà (es: non falsificare la firma dei genitori).
  • Dovere di assumere un comportamento corretto e disciplinato: controllare il tono di voce, camminare nei corridoi/scale senza provocare disturbo, vestire in modo
  • Dovere di rispettare il Dirigente Scolastico, i docenti, il personale scolastico, i
  • Dovere di osservare i Regolamenti: rispettare i tempi nella riconsegna delle prove di verifica, far firmare le comunicazioni sul diario personale, rispettare le norme di comportamento anche senza la presenza di un adulto, essere protagonista attivo dell’esperienza scolastica vissuta nel gruppo classe e nella
  • Dovere di conoscere e rispettare le linee guida (Epolicy) e le regole d’Istituto in tema di uso degli strumenti tecnologici della scuola e dei device personali.
  • Dovere di denunciare atti di bullismo o cyber bullismo di cui si è testimoni o di cui si viene a conoscenza, posto il fatto che anche gli “spettatori” hanno responsabilità in queste
  • Dovere di rispettare il Regolamento d’Istituto e il Regolamento della piattaforma per la DDI e di conoscere le sanzioni altrimenti previste.

 

GLI STUDENTI E LE STUDENTESSE SI IMPEGNANO A:

  • rispettare le persone che lavorano e frequentano la scuola, senza discriminazione alcuna
  • attuare con consapevolezza i comportamenti legati alla sicurezza e alla incolumità propria e altrui, segnalando situazioni di rischio
  • distinguere i comportamenti scherzosi, propri ed altrui, da ogni possibile degenerazione degli stessi in atti, fisici o verbali, lesivi della dignità, denigratori, minacciosi o aggressivi
  • denunciare episodi di bullismo e cyberbullismo, che vedano coinvolti studenti della scuola sia come vittime, sia come bulli o cyberbulli
  • frequentare la scuola regolarmente e con puntualità
  • eseguire i lavori assegnati a casa e consegnarli con puntualità
  • collaborare con la scuola per mantenere l’ambiente pulito, ordinato e bello
  • segnalare situazioni critiche che si verificassero nelle classi o nella scuola
  • aiutare anche i compagni in difficoltà
  • segnalare alla scuola eventuali disservizi
  • esprimere il proprio parere sulle attività scolastiche anche attraverso la compilazione di questionari
  • portare a scuola tutto il materiale necessario alle lezioni
  • utilizzare in modo consapevole e corretto i dispositivi telematici, nel rispetto della privacy e della dignità propria e altrui
  • rispettare le sanzioni disciplinari decise e assumere un atteggiamento responsabile
  • rispettare le regole d’Istituto e le indicazioni dei docenti e del personale scolastico in merito all’utilizzo degli strumenti tecnologici della scuola e anche dei propri dispositivi
  • collaborare ad ogni iniziativa della scuola volta ad informare, prevenire, contenere e contrastare fenomeni di bullismo e
  • Nelle situazioni di didattica a distanza, connettersi secondo l’orario previsto coi docenti di classe e seguire le lezioni secondo le modalità concordate, rispettando le norme definite dal Regolamento d’Istituto, della piattaforma e specifiche della DDI; svolgere le attività previste in sincrono e asincrono, con cura e puntualità.
  • Utilizzare la piattaforma per le sole finalità legate alla didattica e nel rispetto di compagni e docenti.

 

 

 

DIRITTI DEI GENITORI

  • Diritto di essere informati relativamente alle scelte educative operate da: Consiglio d’Istituto Collegio docenti, Consiglio di classe e interclasse, equipe
  • Diritto di partecipare alla definizione delle scelte educative dell’Istituto e di conoscere il “Progetto educativo” della sezione/classe in particolare: i contenuti disciplinari, i metodi di lavoro, i criteri di misurazione e valutazione delle competenze lo stile educativo – relazionale adottato, i valori a cui la scuola si
  • Diritto di conoscere il Regolamento della
  • Diritto di essere informati circa i progressi del proprio figlio in relazione a: apprendimento, capacità relazionali, livelli di responsabilità, strategie d’intervento progettate per affrontare eventuali problemi
  • Diritto di collaborare per il raggiungimento delle mete educative programmate dall’Istituto.
  • Diritto e rispetto del ruolo di
  • Diritto di avere spazi di ascolto e di confronto con i docenti e il Dirigente Scolastico
  • Diritto di essere informati sulle politiche della scuola in merito all’uso delle tecnologie digitali e alla gestione della privacy.
  • Diritto ad essere a conoscenza delle modalità previste per la didattica digitale integrata.
  • Diritto a chiedere alla scuola in comodato la strumentazione necessaria per lo svolgimento della didattica digitale integrata per i propri figli.

 

DOVERI DEI GENITORI

  • Dovere di partecipare agli Organi Collegiali e/o informarsi sulle scelte educative e organizzative operate da: Consiglio d’Istituto, Consiglio di classe/interclasse.
  • Dovere di collaborare con la scuola per meglio definire e attuare le scelte
  • Dovere di informarsi per conoscere il “Progetto educativo” della sezione/classe, in particolare: i contenuti disciplinari, i metodi di lavoro, i criteri di misurazione e valutazione delle competenze, lo stile educativo – relazionale
  • Dovere di rispettare il Regolamento della
  • Dovere di informarsi sui progressi del proprio figlio in relazione a apprendimento, capacità relazionali, livelli di responsabilità e risposta agli interventi individualizzati
  • Dovere di collaborare con la scuola per la formazione del proprio
  • Dovere di affiancare il proprio figlio nel suo percorso
  • Dovere di stabilire relazioni trasparenti con i figli, i docenti, il Dirigente Scolastico
  • Dovere di conoscere e condividere le linee guida (Epolicy) e le regole d’Istituto in tema di uso degli strumenti tecnologici della scuola e dei device personali degli alunni.
  • Dovere di conoscere quanto contenuto nel Regolamento d’Istituto, nel Regolamento della piattaforma per la DDI e le regole di comportamento per le lezioni online. Sottoscrivendo il presente Patto di corresponsabilità si attesta la presa visione del Regolamento della piattaforma.
  • Dovere di favorire la frequenza degli alunni alla didattica a distanza, di condividere coi propri figli le regole da seguire per le lezioni online e per l’uso della piattaforma, al fine di co-vigilarne il rispetto con i docenti di classe.

 

I GENITORI SI IMPEGNANO A:

  • collaborare con la scuola per far rispettare all’alunno i propri impegni
  • sostenere l’alunno nel suo lavoro a casa con una saggia gestione del tempo extrascolastico
  • assicurare la frequenza regolare e la puntualità dell’alunno alle lezioni
  • informare la scuola in caso di problemi che possono incidere sulla situazione scolastica dell’alunno
  • partecipare a momenti di incontro e confronto con la scuola (consigli di classe, riunioni, formazione

…)

  • giustificare sempre le assenze e i ritardi dell’alunno utilizzando il diario
  • firmare per presa visione le comunicazioni e le verifiche scritte consegnate all’alunno, restituendole nei tempi richiesti
  • esprimere il proprio parere sulla scuola ed offrire eventuali suggerimenti anche attraverso la compilazione di questionari
  • segnalare alla scuola eventuali disservizi e/o situazioni critiche sul piano educativo che si verificassero nelle classi
  • prestare attenzione a qualsiasi segnale di malessere o di disagio che possa far suppore nella scuola l’esistenza di rapporti minati da comportamenti di bullismo e cyberbullismo;
  • informare l’Istituzione Scolastica se a conoscenza di fatti veri o presunti individuabili come bullismo o cyberbullismo che vedano coinvolti, a qualunque titolo, i propri figli o altri studenti della scuola;
  • collaborare con la Scuola alla predisposizione ed attuazione di misure di informazione, prevenzione, contenimento e contrasto dei fenomeni suddetti
  • rispondere direttamente ed economicamente di danni a cose e/o persone causati dai propri figli in violazione dei doveri sanciti dal Regolamento d’Istituto
  • esercitare un controllo assiduo sui comportamenti messi in atto dai propri figli, non minimizzando atteggiamenti vessatori giustificandoli come ludici
  • rispettare le sanzioni disciplinari decise dalla scuola
  • educare i propri figli ad un uso consapevole e corretto dei dispositivi telematici, nel rispetto della privacy e della dignità propria e
  • Nelle situazioni di didattica a distanza, conoscere e sottoscrivere le norme definite dal Regolamento d’Istituto, del Regolamento per l’uso della piattaforma e quelle specifiche della DDI; sostenere il lavoro dei docenti di classe fornendo ai figli gli strumenti per l’attivazione della DDI e comunicare con la scuola eventuali necessità.

 

 

DIRITTI DEGLI INSEGNANTI E DEL PERSONALE SCOLASTICO

  • Diritto di lavorare in un ambiente idoneo dal punto di vista: igienico – sanitario, professionale, relazionale.
  • Diritto alla formazione permanente per approfondire conoscenze, acquisire competenze didattiche/educative/ professionali sempre più
  • Diritto ad una formazione specifica sull’uso degli strumenti tecnologici, sui rischi e sulle opportunità delle tecnologie digitali e dell’uso della rete.
  • Diritto di essere informato e di partecipare alle scelte dell’Istituto organizzative ed
  • Diritto di essere riconosciuto come membro dell’Istituto: partecipe, responsabile,
  • Diritto di avere spazi di ascolto e di confronto con: alunni, genitori, colleghi, operatori del territorio, dirigente scolastico per costruire relazioni fondate su: trasparenza di comportamenti, chiarezza di informazioni, fedeltà agli accordi presi, impegno al costante
  • Diritto di essere rispettato nel proprio
  • Diritto a disporre della strumentazione adeguata per l’espletamento della didattica digitale integrata.

 

DOVERI DEGLI INSEGNANTI E DEL PERSONALE SCOLASTICO

  • Dovere di vigilare sul corretto uso di: locali, arredi,
  • Dovere di segnalare eventuali: deficienze strutturali degli edifici, carenza di strumenti di lavoro, rischi per la salute propria e
  • Dovere di partecipare a iniziative di
  • Dovere di partecipare attivamente alle scelte dell’Istituto organizzative ed
  • Dovere di assumere e svolgere responsabilmente incarichi per migliorare il clima relazionale interno l’offerta formativa, l’organizzazione didattica ed amministrativa, la collaborazione con le famiglie e il territorio.
  • Dovere di attuare le scelte programmatiche deliberate dagli organi
  • Dovere di formarsi per il proprio ambito lavorativo, in particolare per i docenti, in relazione all’uso delle TIC nella didattica, all’implementazione di percorsi di educazione alla cittadinanza, anche digitale; alla sperimentazione di attività per competenze e alla condivisione di contenuti e buone prassi.
  • Dovere di essere disponibili al confronto e alla collaborazione con: alunni, genitori, colleghi, operatori del territorio, dirigente scolastico per costruire relazioni fondate su: trasparenza di comportamenti, chiarezza di informazioni, fedeltà agli accordi presi, ricerca e
  • Dovere di attuare tutte le strategie necessarie affinché l’alunno raggiunga le mete indicate nel P.O.F., nel rispetto dell’individualità di
  • Dovere di rispettare gli altri nei rispettivi
  • Dovere di vigilare sul comportamento degli alunni al fine di prevenire ed eventualmente intervenire in caso di episodi di bullismo e cyber
  • Dovere di svolgere le lezioni in didattica a distanza quando necessario e proporre attività in sincrono e asincrono che aiutino a sviluppare le diverse competenze previste dal Curricolo verticale d’Istituto, avendo come obiettivo prioritario l’inclusione di tutti gli alunni.

 

GLI INSEGNANTI E IL PERSONALE SCOLASTICO SI IMPEGNANO A:

  • Difendere la sicurezza dell’alunno attraverso un’adeguata sorveglianza in tutte le fasi della giornata. La scuola effettua un attento controllo sulle richieste di giustificazione di ingresso/uscita. In caso di uscita anticipata l’alunno dovrà essere affidato ad un adulto maggiorenne appositamente autorizzato.
  • Individuare un docente referente con il compito di coordinare le iniziative di prevenzione e contrasto del cyber
  • Contattare la famiglia in caso di problemi relativi a frequenza, puntualità, profitto, comportamento, in modo da poter intervenire insieme al primo insorgere di difficoltà; informare tempestivamente le famiglie degli alunni eventualmente coinvolti in atti di bullismo e
  • Tenere informata con regolarità la famiglia sulla situazione scolastica dell’alunno, allo scopo di favorire la collaborazione e di affrontare e risolvere insieme eventuali
  • Garantire la qualità dell’insegnamento attraverso l’aggiornamento dei
  • Esporre alle famiglie con chiarezza gli obiettivi didattici/educativi e le modalità di misurazione e di valutazione delle
  • Creare un clima collaborativo ed accogliente nel quale l’alunno possa lavorare con serenità in modo da promuovere lo sviluppo integrale della personalità.
  • Sostenere l’alunno in difficoltà attraverso azioni di recupero e/o sostegno anche individuale
  • Favorire l’inserimento dell’alunno nella scuola, attraverso un Progetto
  • Rendere gli alunni protagonisti all’interno della scuola, attraverso iniziative che ne favoriscano l’autonomia.
  • Promuovere l’educazione all’uso consapevole delle tecnologie digitali e della rete e ai diritti e ai doveri connessi all’uso della tecnologia
  • Offrire opportunità di apprendimento, favorendo il benessere nella scuola e lo sviluppo di nuove capacità anche in collaborazione con le agenzie del
  • Coordinare i carichi di lavoro e programmare le verifiche, affinché l’alunno sia sempre in grado di affrontare con serenità e in modo proficuo il lavoro
  • Raccogliere e dare risposte a proposte educative delle
  • Dialogare e collaborare con altre Istituzioni del territorio attraverso accordi di rete per incrementare la qualità dell’offerta
  • Prevedere misure di sostegno e rieducazione di minori, a qualsiasi titolo coinvolti in episodi di bullismo e cyber
  • Stabilire collegialmente le sanzioni disciplinari più
  • Vigilare sul comportamento degli alunni, in particolare in relazione ad episodi di bullismo o cyberbullismo.
  • Porsi come esempi positivi, in qualità di adulti e di educatori, per accogliere e rispettare la singolarità di ogni alunno, senza essere offensivi se necessita di correggere comportamenti inadeguati o mancanze degli alunni; questo al fine di evitare il verificarsi di comportamenti scorretti dei bambini e dei ragazzi nei confronti dei propri pari, che potrebbero sfociare in atti di bullismo o cyber bullismo.
  • Nelle situazioni di didattica a distanza, svolgere le lezioni previste in collegamento online e usare modalità di verifica delle varie unità di apprendimento, prevalentemente indirizzate alla valutazione delle competenze e all’inclusione di ogni alunno.
  • Ad utilizzare la piattaforma per la didattica digitale integrata solo per finalità scolastiche e nel rispetto dei regolamenti vigenti.

 

 

REGOLAMENTO D’USO DELLA PIATTAFORMA DIDATTICA DIGITALE

 

Per tutti gli utenti l’attivazione del servizio è subordinata all’accettazione esplicita del presente regolamento, che deve essere condiviso dai genitori/ tutori (attraverso la firma del Patto di Corresponsabilità).

 

L’utente può accedere direttamente dal suo account istituzionale collegandosi al sito specifico della  piattaforma, inserendo il nome utente (attribuito dall’istituzione scolastica) e la password, fornita inizialmente dalla segreteria (Amministratore) successivamente modificata.
Gli account fanno parte del dominio di cui l’Istituto è proprietario.
In caso di smarrimento della password l’utente potrà rivolgersi direttamente all’Amministratore.
Ogni account è associato ad una persona fisica ed è perciò strettamente personale. Le credenziali di accesso non possono, per nessun motivo, essere comunicate ad altre persone, né cedute a terzi.
L’utente accetta pertanto di essere riconosciuto quale autore dei messaggi inviati dal suo account e di essere il ricevente dei messaggi spediti al suo account.
L’utente si impegna a non utilizzare il servizio per effettuare la gestione di comunicazioni e dati personali riservati.

 

L’utente si impegna a non utilizzare il servizio per compiere azioni e/o comunicazioni che arrechino danni o turbative alla rete o a  terzi utenti o che violino le leggi ed i Regolamenti d’Istituto vigenti.
L’utente si impegna anche a rispettare le regole che disciplinano il comportamento nel rapportarsi con gli altri utenti e a non  ledere i diritti e la dignità delle persone.
L’utente si impegna a non trasmettere o condividere informazioni che possano presentare forme o contenuti di carattere osceno, blasfemo, diffamatorio o contrario all’ordine pubblico alle leggi vigenti in materia civile, penale ed amministrativa.
L’utente s’impegna a non fare pubblicità, a non trasmettere o rendere disponibile attraverso il proprio account qualsiasi tipo di software, prodotto o servizio che violi il presente Regolamento o la legge vigente.
L’utente è responsabile delle azioni compiute tramite il suo account e pertanto esonera l’Istituto da ogni pretesa o azione che dovesse essere rivolta all’Istituto medesimo da qualunque soggetto, in conseguenza di un uso improprio.
L’utente si impegna a non registrare immagini e video riprodotti in diretta (durante le videolezioni / videoconferenze) ed a non dare diffusione agli stessi in assenza di un esplicito consenso fornito dai soggetti interessati.

 

L’Istituto si impegna a tutelare i dati forniti dall’utente in applicazione della normativa vigente in materia di privacy, ai soli fini della creazione e mantenimento dell’account. Il trattamento dei dati è disciplinato da quanto disposto nell’informativa privacy                         della piattaforma, reperibile online.
Il servizio è erogato dal fornitore che applica la propria politica alla gestione della privacy; l’utente può conoscere in dettaglio tale  politica visitando il sito web del fornitore.
In caso di violazione delle norme stabilite nel presente Regolamento, l’Istituto nella persona del suo rappresentante legale, potrà                                    sospendere l’account dell’utente o revocarlo in modo definitivo senza alcun preavviso e senza alcun addebito a suo carico e fatta  salva ogni altra azione di rivalsa nei confronti dei responsabili di dette violazioni.
L’Amministratore ha accesso a qualsiasi dato memorizzato negli account creati, inclusa la mail. Pertanto in caso di attività anomale o segnalazioni relative a presunte violazioni del presente Regolamento, l’Amministratore si riserva la possibilità di  controllare il contenuto degli account.
L’account sarà revocato al termine dell’ultimo anno scolastico frequentato in qualità di allievo, di docente o personale ATA assunti a tempo indeterminato e determinato anche nel caso di supplente brevi. Pertanto i suddetti utenti dovranno provvedere a scaricare e salvare dal proprio account i materiali e i file di interesse entro tale periodo.

 



IC Clusone – Viale Roma, 11 - 24023 Clusone (BG) – Tel. +39 0346 21023
PEC ministeriale: bgic80600q@pec.istruzione.it - e-mail ministeriale: bgic80600q@istruzione.it
Codice Meccanografico: BGIC80600Q - Codice Fiscale: 90017480162 - Univoco Ufficio: UFLAOE